Anticipo dell'indennità di cassa

Fonte: Provincia di Modena ( LINK )
ANTICIPO DELL’INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE

ATTIVO PER OLTRE 500 LAVORATORI, RINNOVATO PER IL 2012
Sono 550 i lavoratori modenesi per i quali, al 31 dicembre 2011, era attiva la procedura di anticipazione della cassa integrazione guadagni straordinaria per un importo complessivo di 2 milioni e 598 mila euro, con un calo significativo rispetto al 31 dicembre 2010 quando le operazioni attive erano 1.058 per un totale di circa 4 milioni di euro. Gli anticipi vengono erogati sulla base del Protocollo d’intesa sottoscritto dalla Provincia di Modena con otto istituti di credito modenesi e i sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil). L’intesa, che rientra tra le misure anticrisi attivate dalla Provincia, è operativa dal 2009 ed è stata rinnovata fino al 30 marzo 2013.

«I numeri – commenta Daniela Sirotti Mattioli, assessore provinciale alle Politiche per l’economia locale – indicano una diminuzione delle richieste da parte dei lavoratori nell’ultimo anno. Ma il calo, che è stato significativo nei primi sei mesi del 2011, si è arrestato nel secondo semestre. Per questo è particolarmente importante che gli istituti di credito e i sindacati abbiano nuovamente espresso, per la terza volta, la volontà di prolungare la validità del protocollo. Questo strumento – prosegue l’assessore – si è infatti dimostrato efficace per dare una risposta tempestiva a una esigenza concreta dei lavoratori, delle loro famiglie e delle imprese interessate da difficili processi di ristrutturazione, ed è necessario ancora oggi, date le perduranti difficoltà occupazionali».

Le banche firmatarie, che mettono a disposizione un plafond di oltre 5 milioni di euro, sono Unicredit, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banca popolare di Verona-San Geminiano e San Prospero, Banca Modenese, Cariparma, Cassa di Risparmio di Cento, San Felice 1893 Banca popolare, Banca Interprovinciale di Modena.

Per informazioni sul Protocollo e sulle modalità di accesso è possibile consultare il sito web www.economia.provincia.modena.it al link Misure anticrisi. Il Protocollo prevede l’anticipazione da parte delle banche del trattamento di cassa integrazione straordinaria ai lavoratori di imprese in crisi che richiedono il pagamento diretto da parte dell’Inps, dal momento che le erogazioni da parte dell’Istituto avvengono con tempistiche che possono comportare serie difficoltà economiche per i lavoratori e le loro famiglie. L’agevolazione si estende anche ai lavoratori in Cigs in deroga e in mobilità in deroga. Il Protocollo prevede inoltre la possibilità per i lavoratori di richiedere la sospensione del pagamento del mutuo per la prima casa per la durata della Cigs sulla base di quanto stabilito dal Piano Famiglie, senza oneri né spese aggiuntive. L’anticipazione avviene nella forma di un finanziamento individuale al lavoratore, per frazioni mensili e di importo massimo di 6.750 euro per la Cigs e di tremila euro per la Cigs in deroga e la mobilità in deroga, e nei limiti di un plafond complessivo annuale e di natura rotativa fissato dalle banche. Il finanziamento non è soggetto a tassi di interesse, né a spese di gestione del conto o interessi di mora, eccezion fatta per i bolli di legge.

NEWS ECONOMICHE DAL MONDO