Banca Interprovinciale sponsor del 97° Giro dell'Emilia

 

Manca meno di una settimana a sabato 11 ottobre quando il Gruppo Sportivo Emilia proporrà a tutti gli appassionati di ciclismo una giornata da segnare sul calendario.

 

Sarà il polo di Bologna Fiere ad ospitare tutte le operazioni preliminari e la partenza dell’edizione 2014 della gara di classe Hors Cathegorie.

 

Dopo il via gli atleti, lungo la Via Emilia, raggiungeranno lo stabilimento della Granarolo, storico partner del GS Emilia, che ha legato il suo nome in modo particolare alla classica di fine stagione, per poi dirigersi, attraverso Castelmaggiore e Funo, verso San Giovanni in Persiceto dove è previsto il traguardo volante Azienda Agricola Caretti e successivamente, nel centro del paese quello dell’amministrazione comunale.

 

Imboccata la Persicetana la corsa si dirigerà verso Borgo Panigale e Zola Predosa, transitando davanti allo stabilimento della Felsineo che ricorderà l’indimenticato Raimondi. Saranno gli ultimi chilometri di relativa tranquillità, perchè poco dopo, il Giro dell’Emilia – Granarolo, entrerà nelle sue fasi più importanti. La strada inizierà a salire fino a Rocca di Roffeno, teatro del passaggio della gara lo scorso anno.

 

Anche quest’anno, proprio dopo il passaggio a Rocca di Roffeno, i corridori proseguiranno per altri 2,5 chilometri per raggiungere l’inedito valico di Santa Lucia dove è posto il primo GPM della giornata. Una salita molto impegnativa con pendenze del 10%. dopo lo scollinamento la veloce discesa porterà a Vergato prima di toccare Marzabotto e Sasso Marconi dove la strada inizierà a salire verso Badolo.

 

Sarà il preludio del gran finale.

I protagonisti del Giro dell’Emilia – Granarolo entreranno nella città di Bologna da Via Toscana per proseguire per Piazza di Porta Santo Stefano e il passaggio da Porta Saragozza dove la strada si impennerà verso il traguardo di San Luca con il transito all’arco del Meloncello.

 

Circa due chilometri con pendenze massime del 18%. Una salita che sarà affrontata complessivamente per cinque volte.

 

Lo spettacolo sarà il risultato di un mix eccezionale tra il gesto atletico al quale saranno chiamati i corridori e il grande affetto del pubblico a bordo strada. Un contesto che non ha eguali e che riuscirà a far vivere una giornata indimenticabile che ci farà conoscere il nome del novantasettesimo vincitore del Giro dell’Emilia – Granarolo.

 

Per ulteriori informazioni visita il sito dell’organizzazione gara http://www.gsemilia.it/

NEWS ECONOMICHE DAL MONDO