I luoghi comuni sui bitcoin

markus-spiske-221494

 

 

Sarà davvero il metodo di pagamento del futuro? Oggi parliamo di moneta digitale e vi spieghiamo cosa sono i bitcoin cercando di sfatare alcuni luoghi comuni.

Bitcoin, con la B maiuscola, è una rete che consente il pagamento di somme di denaro e i bitcoin, con la b minuscola, sono la forma di denaro utilizzata dal sistema, completamente digitale. Basato su un funzionamento cosiddetto peer-to-peer, ovvero gestito dagli utenti senza il bisogno di intermediari, Bitcoin consiste, nella sua maggior parte, in denaro liquido che circola in internet.

Suggerita per la prima volta già nel 1998 dallo sviluppatore Wei Dai, la rete Bitcoin nasce nel 2009 dal lavoro del programmatore anonimo conosciuto sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto e da allora la comunità attorno al sistema è cresciuto in modo esponenziale.

Al contrario di quanto ritenuto da molti, Bitcoin è una rete completamente trasparente e libera perché sviluppata opensource, vale a dire che chiunque può modificarne il codice, ma senza poterne forzarne i cambiamenti nel protocollo. In pratica, nessuno possiede Bitcoin che è a totale disposizione degli utenti e per essere utilizzato, i software sfruttati devono avere le stesse caratteristiche per tutti, in tutto il mondo, e la rete può lavorare correttamente solo con un consenso completo tra tutti gli utenti.

Come funziona Bitcoin? Per l’utente, Bitcoin non è altro che un’app per device mobili o un programma per computer che fornisce un portafoglio personale per accedere ai bitcoin che consente di inviare e ricevere. Intanto, la rete Bitcoin utilizza un sistema per verificare la validità di ogni transazione, che viene protetta da firme digitali che corrispondono all’indirizzo del mittente.

Anche se lo sembra, Bitcoin non è un sistema anonimo in quanto le transazioni effettuate lasciano sempre dietro di sé una tracciabilità accessibile al pubbliche, sempre rispettando, attraverso meccanismi specifici, la privacy degli utenti.

Proprio per questa sua caratteristica fondamentale di essere open-source ed esclusivamente digitale (non esiste una moneta materiale corrispondente), Bitcoin viene spesso associata, nell’immaginario collettivo, a transazioni e attività economiche illegali, anche a causa di costanti attacchi informatici a computer aziendali e personali. In realtà, è sempre più diffuso l’utilizzo di questo mezzo, che permette la circolazione più sicura di somme, nella vita di tutti i giorni.

 

Per saperne di più: www.bitcoin.org

NEWS ECONOMICHE DAL MONDO